noi / Lettere / Lettera 61

Tu, solo tu, fortissimamente tu: il potere della brand identity

La brand identity è quel concetto del marketing che ti permette di diventare l’unica formica rossa in un formicaio di formiche nere.

Ammettiamolo: se hai un’attività non è che sia molto semplice, oggi, riuscire a differenziarsi dalla concorrenza.

È difficile capire quali sono i tuoi punti forti (di giovani dinamici ce ne sono a migliaia, di start-up innovative è pieno il mondo, di aziende leader del settore potremmo lastricarci l’intera statale 16 Adriatica; per non parlare di aziende che offrono servizi a 360 gradi e che coniugano tradizione e innovazione in un connubio unico – insomma, ci siamo capiti). Quella che una volta poteva essere una novità, adesso viene proposta più o meno bene da altre mille mila aziende come la tua. E ogni azienda è sempre l’azienda migliore che tu possa incontrare: per cui, comunque la metti, l’immagine che ne vien fuori e quella di un formicaio dove tutte le formiche sono piccole uguali, nere uguali, forti uguali e si muovono tutte nella stessa identica direzione, pronte ad accaparrarsi la stessa identica briciola.

Brand identity e scuse senza identità

Per riuscire a differenziarti dalla concorrenza, non ci sono alternative, devi lavorare alla tua brand identity – quella serie di elementi (identity elements) che rendono riconoscibile e inconfondibile la tua attività e le donano una immagine (brand image) forte e chiara agli occhi dei consumatori. Questo fa sì che tu sia l’unica formica rossa in un formicaio di formiche nere – o viceversa.

La brand identity è un concetto molto semplice e funzionalmente estetico; nonostante ciò, molto spesso entrano in gioco una serie di scuse senza identità che ti portano a sottovalutare la tua identità di marca: per esempio la mancanza di tempo (“non ho tempo per pensare a queste cose”), la pigrizia (“eh, sì, mo’ mi metto a fare tutto ‘sto lavoro?”), la pedissequità (“abbiamo sempre fatto così”), la tradizione (“questa azienda è stata fondata da mio nonno e ha sempre funzionato”), l’incertezza (“ma chi mi garantisce che poi aumento il fatturato?”).

Ma sono tutti fattori, questi, che danneggiano te, il tuo business e tutto quello che ci ruota attorno.

Equilibrio, armonia e bellezza

Per cui, un attimo prima che uno solo di questi strani fattori prenda il sopravvento, mettiti davanti a uno specchio e convinciti che devi investire sulla tua identità di marca, sulla tua storia, sulla tua unicità e riconoscibilità: tutto all’interno della tua attività deve avere un equilibrio formale e deve rappresentarti appieno. Nome, slogan, logo, colori, company profile, brochure, inviti, biglietti da visita, design – tutto!

E, siccome la brand identity è un concetto molto semplice e funzionalmente estetico, tutto deve essere coordinato e armonioso. Perché quello che i consumatori devono vedere è una grande opera d’arte pronta per essere esposta in salotto: e, a noi di Caroselling, piace tanto l’idea di renderti un pezzo unico, inimitabile, bello e inconfondibile.    

Fortissimamente tu

In conclusione, e senza ulteriori giri di parole, la brand identity risponde a una sola domanda: chi sei?

E per rispondere a questa domanda puoi dire il tuo nome, far vedere una tua foto, esporre il tuo mantra, parlare dei tuoi interessi.

Tutto contribuirà a definire te stesso; ma se veramente vuoi essere differente ed esser sicuro che nessuno ti confonda con qualcun altro, be’, allora devi rispondere mettendo sul piatto, contemporaneamente, tutti gli elementi che ti contraddistinguono – e allora non sarai più solo un nome, o una foto; ma sarai un nome associato a un logo associato a uno slogan associato a dei colori associato a una storia: sarai la formica rossa del formicaio – o la più bella opera d’arte del museo, se preferisci. Sarai tu, solo tu, fortissimamente tu.

Parliamo di Graphic Design
0
loading
Lettere